• Home
  • Le cellule
  • Che cosa sono?

Che cosa sono?

LE TAPPE PER PROMUOVERE LE CELLULE DI EVANGELIZZAZIONE

È preliminare
Sensibilizzare tutta la parrocchia al mandato missionario: «Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli » (Mt 28, 19). Questo può essere fatto orientando omelie e attività di formazione verso l’evangelizzazione.

1. Studio dell’«Evangelii Nuntiandi»

In sei settimane consecutive con l’insieme della parrocchia: l’incontro settimanale abitua al ritmo che sarà poi quello delle cellule. La parrocchia nel suo insieme deve percepire che «la Chiesa esiste per evangelizzare». Nell’Evangelii Nuntiandi, Paolo VI pone esattamente 40 domande. Apre un ampio «dialogo» per aiutare i membri della Chiesa a rispondere alla sua missione essenziale e fondamentale. Il lettore può dapprima rispondere alle domande poste da Paolo VI e scoprire la dimensione profondamente «dialogante» dell’attività evangelizzatrice. Questa pedagogia del dialogo, ben presente in questo testo pontificio, che può essere considerato come il più importante del XX secolo, ci invita a riflettere sull’evangelizzazione e ad intraprendere la missione evangelizzatrice in uno spirito di incontro interpersonale e di condivisione profondi.

2. Studio del manuale di formazione dei leaders
- Costituire un gruppo-guida». Il pastore chiamerà tra le 5 e le 12 persone che costituiranno probabilmente la sua futura «cellula esecutiva». Questo gruppo-guida studierà, insieme al pastore, il manuale di formazione dei leaders, allo scopo di riproporne il contenuto all’insieme di coloro che il pastore avrà chiamato. Il pastore chiederà a ciascun membro del gruppo-guida di presentare agli altri una parte del manuale, per abituarlo ad insegnare.

- Il pastore invita tutta la comunità parrocchiale a partecipare alla formazione dei leaders. Ma soprattutto troverà il tempo per invitare personalmente le persone su cui pensa di appoggiarsi (senza limitazione di numero). Questo punto è molto importante perché queste persone verranno considerate come pietre fondanti per l’inizio dell’avventura. I partecipanti si impegneranno a seguire l’insieme del percorso formativo, senza l’obbligo di continuare una volta che questo si sia concluso. I laici del gruppo-guida, dovranno fare insieme al parroco gli insegnamenti previsti nel percorso di formazione dei leaders allo scopo di mostrare il posto essenziale che i laici rappresentano in tale metodo.

- I membri del gruppo-guida animeranno anche le riunioni di lavoro per piccoli gruppi. Il gruppo-guida si riunirà con il pastore dopo ciascuna sessione per farne una rilettura.

- Alla fine di questa formazione, poichè lo Spirito Santo è il primo agente dell’evangelizzazione, è bene prevedere un week-end di effusione dello Spirito su tutti coloro che vogliono continuare.

3. Avvio delle cellule
Terminata la formazione dei leaders, il pastore costituisce le cellule provvisorie.Esse hanno lo scopo di permettere a tutti di sperimentare l’incontro di cellula. Il pastore nomina un responsabile per ognuna delle cellule provvisorie (normalmente i membri del gruppo-guida). La conduzione dell’incontro di cellula è affidata a turno a ciascun membro della cellula, che si eserciterà così nel ruolo di leader. Il pastore non partecipa alla riunione della cellula. Ogni settimana riunisce la cellula esecutiva provvisoria costituita
dai responsabili accompagnati dal leader di quella settimana.
Questa cellula esecutiva, che inizia con la lode e termina con la preghiera di intercessione, permette al pastore di ascoltare il resoconto di ciascuna cellula, presentato dal leader della settimana. Il pastore vigilerà che ciascun membro stia costituendo il
proprio oikos.
Alla fine delle cellule provvisorie, quando cioè ogni membro sarà stato leader, il pastore nominerà i leaders definitivi e aprirà le cellule che saranno pronte ad accogliere nuovi membri.
A partire da questo momento il pastore riunirà ogni settimana la cellula esecutiva composta dai leaders definitivi.

Visit www.betroll.co.uk the best bookies