• Home
  • Formazione
  • Articoli Formativi

06 - Comunicare la visione al leader potenziale

06 – Dalla prima alla seconda BOMBA : una visione di crescita per formare nuovi leader !

Il processo di evangelizzazione che chiamiamo “Bomba” o “Rete” si sviluppa in 7 tappe. Il Manuale di base per la formazione dei leader spiega chiaramente questa pedagogia di evangelizzazione. Questo approccio si adatta molto bene al processo della formazione dei leader che crescono per moltiplicarsi.

L’immagine della rete o bomba

Processo di
evangelizzazione

Formazione dei leader

barca

 

1. Preghiera
2. Oikos
3. Servizio
4. Condivisione
5. Spiegazione
6. Affidamento
7. Vita nella cellula

 

1. Sognare leader che si moltiplicano e pregare per loro
2. Scoprire e scegliere un leader potenziale
3. Approfondire la relazione con il leader potenziale
4. Comunicare la visione al leader potenziale
5. Precisare impegni e attese al co-leader
6. Sviluppare la “leadership” del co-leader
7. Fare discernimento e poi moltiplicare la cellula

Nell’articolo precedente abbiamo presentato la terza tappa: « Approfondire la relazione con il leader potenziale ». Ora affrontiamo la quarta tappa:

4. Comunicare la visione al leader potenziale

“Comunicare la visione” per noi significa condividere con il leader potenziale, in modo semplice e amichevole, la propria esperienza concreta di leadership, cioè i frutti dello Spirito Santo nell’ambito della vita di Cellula, i segni della presenza e dell’azione di Dio nella crescita dei membri di cellula.
Il leadrr è dunque un TESTIMONE privilegiato della presenza di Dio che agisce dentro la Cellula. Qui non si tratta di condividere una visione astratta o un sogno idealista, ma di rendere testimonianza di una prospettiva che si realizza per grazia di Dio. Questa condivisione fraterna da parte del leader è indispensabile per lo sviluppo dei futuri leader.
Perché è necessario comunicare la visione?
- La visione è attraente. Ha un potere di attrazione. È difficile che uno segua chi non sa dove andare.
- La visione genera dei leader. Gli osservatori divengono dei leader potenziali. I leader potenziali diverranno dei leader. E i leader diventeranno a loro volta moltiplicatori di leader.
- La visione introduce irresistibilmente all’azione. Essa dà l’impulso necessario per superare i pregiudizi e gli ostacoli alla crescita. La mancanza di visione non produce nulla o ben poco.
- La visione indica una direzione da perseguire. La gente è pronta ad affrontare delle sfide e a superarle in una situazione di una chiara visione dell’obiettivo.
- La visione innalza il livello dell’impegno personale e del dinamismo. La seconda legge della termodinamica afferma che tutti gli esseri viventi sono portati a costantemente a decadere da uno stato ben organizzato e d’energia ad uno stato di disorganizzazione e di letargo. Un modo di contrastare questa legge, nel mondo delle cellule di evangelizzazione, è quello di comunicare la visione.
- La visione è ispiratrice di soluzioni e incoraggia a consacrarsi a mete più elevate. Moltiplicare le cellule non è né facile né automatico: i leader devono sacrificarsi. La visione saprà motivarli quando si sentiranno affogare sommersi dalle difficoltà.

Mario St-Pierre
Responsabile della Commissione per la formazione dell’OISCPE

Visit www.betroll.co.uk the best bookies